Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2017

Cupcakes, Tesina di Maturità

Immagine
La gioventù incolore“Ciò che io racconto è la storia dei prossimi due secoli. Io descrivo ciò che viene, ciò che non può fare a meno di venire: l'avvento del nichilismo. Questa storia può già ora essere raccontata; perché la necessità stessa è qui all'opera.” F. Nietzsche

“… perchè i giovani, anche se non sempre ne sono consci, stanno male. […] perché un ospite inquietante, il nichilismo, si aggira tra loro, penetra nei loro sentimenti, confonde i loro pensieri, cancella prospettive e orizzonti, fiacca la loro anima, intristisce le passioni rendendole esangui. U. Galimberti, L’ospite inquietante. Il nichilismo e i giovani, ed. Feltrinelli, Milano 2008.
“Dal mese di luglio del suo secondo anno di università fino al gennaio seguente, Tazaki Tsukuru aveva vissuto con un solo pensiero in testa: morire. […] Metter fine ai suoi giorni gli sembrava la cosa più naturale e coerente. Per quale motivo, però, non avesse fatto quell’ultimo passo, ancora oggi non riusciva a capirlo.” H. Murakam…

Il Lounge di Neeks, 12

Immagine
Bad day, R.E.M. Si, non mi sono fatto vivo per sei mesi. No, non sono morto, anche se ci sono andato vicino. Sei mesi, eppure sembra passata una vita. In questo periodo non me la sono passata propriamente benissimo. Come vi avevo già raccontato, ad agosto dell’anno scorso mio padre è morto. È successo tutto di fretta, e non ho avuto tempo di abitarmi. Non avevo nemmeno preso l’idea in considerazione. Mio padre non poteva morire, punto. Non poteva succedere a me. Lui aveva fiducia che sarebbe guarito, e io mi sono fidato ciecamente di lui e di quello che diceva. Pensavo che sarebbe guarito, ed invece è morto. Pensavo di avere tempo, invece sono bastati un paio di mesi perché il cancro lo divorasse. Anche io, come mio padre, sono durato solo un paio di mesi. E poi qualcosa dentro di me si è rotto. Mi sono svegliato, un mattino, ed avevo perso qualcosa. Forse era un colore, forse un emozione. Forse era un pezzo di me.  Era novembre. Ho avuto il mio primo breakdown, in silenzio, lontano da tutti.…